Oggi più che mai è importante sapere eseguire le attività professionali in un contesto di “lavoro smart”, cioè modulando la capacità di assistere i nostri clienti tra supporto in presenza e lavoro a distanza.

Nel mondo dell’informatica il controllo a distanza è una realtà da tempo e questo grazie sia alla presenza di servizi di connettività sempre più sofisticati sia all’affermarsi del Cloud Computing come standard di gestione del software.

Queste due tendenze hanno consentito negli ultimi anni di mettere a punto le tecniche del Controllo Remoto delle risorse informatiche di un’azienda e di passare dalla logica del “breakfixing” alla logica del servizio gestito.

I benefici sono davvero molto importanti.

“Breakfixing” è stato per decenni il modello imperante, vale a dire la chiamata del tecnico informatico in caso di problema ad alcuni dei device aziendali o alle reti o ad altri componenti del sistema informativo. Il grande svantaggio di tale modello è che nel medio termine aumenta il rischio che l’azienda incappi in un fermo tecnico, giacché se è possibile che un problema si ponga, allora, con il passare del tempo, è sempre più probabile che questo avvenga.

La logica del controllo a distanza ribalta radicalmente i termini della questione, giacché con questo modello è possibile evitare che il guasto si proponga, esercitando un’attività di controllo continuativa che scongiura il fermo tecnico e che consenta di effettuare interventi più limitati e mirati là dove necessario e se possibile senza intervenire fisicamente.

Il paradigma è stato quindi adottato anche da Tecnodata che ha realizzato una suite di strumenti per il controllo sia dei singoli device (i Personal Computer ma anche i Laptop e i Tablet, così come i Server aziendali) sia delle reti informatiche nelle quali i dispositivi impiegati devono garantire nel tempo la continuità delle prestazioni.

 

Ecco quindi che si rende disponibile uno strumento completo, chiamato TDMonitor, che è in grado di prevenire i guasti, salvaguardare la sicurezza della rete aziendale ed eseguire automaticamente operazioni magari noiose da effettuare ma altrettanto critiche per la salute dei sistemi informativi aziendali. Senza contare che TDMonitor agisce ovviamente sia sui device fisici che sulle risorse virtuali come le VM, lo storage in Cloud e tutto ciò che dal punto di vista logico possa essere considerato parte del sistema informatico.

L’epoca del controllo a distanza è arrivata, dunque, e per i clienti il beneficio è enorme. Tenere sotto controllo automatico i propri sistemi equivale ad avere un medico sempre attento ai nostri parametri vitali e capace di suggerirci immediatamente dei rimedi al manifestarsi dei primi sintomi di alterazione dei parametri stessi.

Le conseguenze positive sono innumerevoli e vanno dalla riduzione dei guasti ad un livello prossimo allo zero alla possibilità di allungare la vita dei nostri device alla ben più importante conquista di poter pensare al business in tutta serenità senza doversi preoccupare dei sistemi informativi.

Per sapere di più su TDMonitor scrivete a tecnodata@tecnodatasrl.com.